Moda sostenibile – Le molte contraddizioni

Per molti versi le parole sostenibile e moda non stanno davvero bene insieme. Ho sentito descrivere la moda sostenibile come un ossimoro e una contraddizione e forse questo è vero. È davvero possibile che l’industria della moda diventi sostenibile?

Parte del problema con il termine moda sostenibile è che “moda” è spesso usata per descrivere tendenze in costante cambiamento e persino associata a “moda veloce”, il termine usato per descrivere l’abbigliamento a basso costo o accessibile che viene rapidamente realizzato per rispondere alle l’ultima tendenza spesso viene indossata solo una o due volte prima di essere scartata. Le implicazioni etiche e ambientali di questo tipo di abbigliamento sono ben riconosciute con lo spreco di risorse preziose e il maltrattamento dei lavoratori della catena di approvvigionamento per garantire abbigliamento a basso costo che venga prodotto rapidamente. Nonostante le molte connotazioni negative che la parola moda può avere, se la prendi come una parola più generica usata per descrivere l’abbigliamento, allora è quasi possibile avere una moda sostenibile, anche se forse non del tutto perché la produzione di qualsiasi abbigliamento ne avrà alcuni impatto sull’ambiente anche se relativamente modesto.

Con confusione anche sul nome del prodotto, non sorprende che la maggior parte degli acquirenti non si preoccupi della moda sostenibile e preferisca invece restare fedele ai marchi di moda che conoscono pur sapendo che spesso operano in modi insostenibili e non etici. Ma la contraddizione sul nome ‘moda sostenibile’ è solo l’inizio. Ci sono così tante altre contraddizioni e molta confusione ad esso associate.

Prendi ad esempio la moda vegana. Essere vegan è generalmente considerato un modo di vivere etico e sostenibile, non solo riducendo la sofferenza causata agli animali nel sistema di allevamento, ma riducendo l’impronta di carbonio e l’inquinamento causato dall’agricoltura. Potrebbe quindi essere uno shock per alcuni che la moda vegana non sia necessariamente l’opzione più etica e sostenibile. Le scarpe vegan possono essere realizzate senza l’uso di alcun prodotto di origine animale, ma ciò non significa che siano state realizzate in fabbriche etiche o utilizzando materiali sostenibili, infatti i materiali sintetici utilizzati al posto della pelle sono spesso a loro modo dannosi per l’ambiente. Se vuoi essere assolutamente sicuro che le tue scarpe o borse vegane siano completamente etiche e sostenibili, dovrai cercare un marchio che presti attenzione a tutti questi problemi.

Il prossimo passo nell’elenco delle contraddizioni e della confusione che circonda la moda sostenibile è il concetto di moda etica. Molti marchi di moda etica supportano varie buone cause in tutto il mondo e consentono alle persone di creare un sostentamento sostenibile. Tuttavia, per sostenere queste grandi cause, si tratta di acquistare vestiti, forse vestiti di cui non abbiamo davvero bisogno o forse non realizzati con tessuti sostenibili. Più acquistiamo, più aiutiamo queste grandi cause ma anche più consumiamo. Le collezioni etichettate come sostenibili possono essere realizzate con tessuti eco-compatibili, ma ciò non garantisce che siano state prodotte in modo etico. In questa situazione ci resta il difficile compito di decidere cosa sia più importante in termini di sostenibilità economica e sociale o ambientale. La moda etica si fa spesso in paesi lontani; questo è un altro contrasto con la moda prodotta localmente che è spesso considerata più sostenibile a causa dell’impatto ambientale dei suoi trasporti. L’abbigliamento di seconda mano e vintage ancora una volta offrono un dilemma, sebbene siano probabilmente l’opzione più sostenibile, fanno poco per alleviare la povertà nel mondo, anche se in questo caso fare shopping nei negozi di beneficenza potrebbe essere la risposta sia per ridurre l’impatto ambientale che per sostenere un causa.

Il tema della moda sostenibile è complesso e la confusione che la circonda è talvolta usata dai marchi per lavare i consumatori in modo ecologico usando i termini “eco” e “sostenibile” per descrivere capi di abbigliamento o collezioni che possono aiutare in un modo ma non nell’altro. Per combattere lo scetticismo e la sfiducia nei confronti della moda sostenibile, è necessario un modo chiaro e di facile comprensione per etichettare e descrivere i prodotti. La parola moda sostenibile è abbastanza generica da significare qualsiasi cosa se usata da esperti di marketing che creano confusione tra i consumatori. Anche il termine sostenibile non eccita davvero coloro che cercano di acquistare moda.

Tuttavia, ci sono molti marchi di moda innovativi là fuori che stanno aprendo nuovi modi di lavorare in termini di etica e sostenibilità; Deve solo esserci un modo per comunicarlo ai clienti in modo semplice e di facile comprensione.

Leave a Comment

Your email address will not be published.